'A Shcaffètte
Gruppo Folklorico Marinaro di Termoli
A Pasquette
‘U Sand’Andunie
‘U san Bastejane
“A vetäre de San Geseppe”
La Shcaffette nella Scuola
San Basso
‘U san Bastejane

 

La Storia e il perchè

Il canto popolare del San Sebastiano si eseguiva la sera del 19 Gennaio, giorno che precede la ricorrenza. Esso veniva eseguito dietro le porte di gente benestante, da gruppi in costume, rappresentanti personaggi del periodo storico della vita del Santo (impero di Diocleziano e Massimiano). Alcuni di essi si dipingevano il volto di nero, a rappresentare gli arcieri della Mauritania che presero parte al plotone di esecuzione del Santo, come vuole la tradizione. Chi lo canta riceve doni di ogni genere, che poi si consumano il giorno successivo in un pranzo, "Luculliano".

Sul perchè del canto a Termoli, la tesi più logica, dalle ricerche effettuate dal gruppo e da alcuni scritti di autori locali è che la Cattedrale di Termoli, prima di essere dedicata a S. Maria della Purificazione (sec. XIII) era intitolata a S. Sebastiano, un' antica devozione sostenuta, questa, dalla diffusione del nome Sebastiano come Basso tra il popolo termolese. 
Per molti secoli il canto venne abbandonato e dimenticato. Solo nei primi del 1700, tramite frammentari versi orali e , a racconti verbali, tramandati da padre in figlio, il canto viene ripreso.
Esiste un aversione del 1956, in ventiquattro strofe, che non fu mai proposta, che il canonico Don Nicola Perrotta faceva risalire al 1740. 

Nel 1978 'A Shcaffètte ha riproposto il canto ai Termolesi in undici strofe, ma non rispecchia la versione del Perrotta, adattando la stesura all'attuale melodia del S. Sebastiano, risulta evidente la non collimanza tra canto e melodia.
IL canto viene eseguito da un solista, che generalmente impersona il Santo, sestitocon tunica, fascia rossa alla fronte e lancia in mano a ricordare che San Sebastiano faceva parte delle guardie pretoriane. Tutte le strofedel canto vengono precedute da un ritornello musicalee, dopo ogno strofa il coro ripete gli ultimi due versi. Il canto finisce con un saluto ai padroni di casa, a quelli che si sono radunati fuori dall'abitazione e, a tutti i cantori.
gli stumenti musicali che accompagnano il canto sono quelli della tradizione locale; fisarmonica, chitarra, patapum, tra-tra, streculatore, acciarino, che è lo strumento che scandisce il ritmo e precede il canto con tre tocchi iniziali. L'attuale versione, così come quella del canonico Perrotta, è in lingua Italiana.


 

  


























Sito web
Mysito.Info Realizzazione Siti web
MySito.info